Fombio.com usa sia cookies propri, sia cookies di terze parti. Per navigare il sito è necessario acconsentirne l'utilizzo. [Acconsenti] [Approfondisci]
Brembio|Camairago|Casalpusterlengo|Caselle|Castelnuovo|Castiglione|Cavacurta|Codogno|Corno Giovine
Moda
Segnala Notizia
Contattaci
Note Legali
Privacy
Fombio|Guardamiglio|Livraga|Maccastorna|Maleo|Meleti|Orio|Ospedaletto|San Fiorano|San Rocco|Santo Stefano|Somaglia|Senna|Terranova
 HOMEPAGE > Il Cittadino > Ospedaletto Lodigianoo > ARTICOLO Archivio 1  
OSPEDALETTO - IN ARRIVO I BOX ARANCIONI, IL SINDACO: «STRUMENTI DI PREVENZIONE»
Stop alle corse su Mantovana e strada 126 con 3 autovelox
Ospedaletto Lodigianoo - In arrivo tre “autovelox” a Ospedaletto: velocità sotto controllo sulla Mantovana e sulla strada provinciale 126, detta “Lodigiana”. I box arancioni con cui sarà rilevata la velocità superiore ai 50 chilometri orari saranno installati già la prossima settimana. Per l’amministrazione comunale gli automobilisti “corrono” troppo e di conseguenza servono deterrenti.

DUE PERCORSI CRITICI

È quanto emerge dalla relazione di servizio trasmessa dal neo responsabile del servizio di polizia locale di Ospedaletto Mariano Pozzoli, in cui vengono sottolineate alcune criticità relative alla circolazione stradale sulla sp 126 (la strada per Senna – Somaglia) e sulla ex strada statale 234 nei tratti che interessano il centro abitato. In particolare, al chilometro 0,700 della sp 126, lato sinistro, è stato rilevato che oltre il 70 per cento dei veicoli supera i limiti di velocità, sfiorando in qualche caso i 90 chilometri orari. Da qui la decisione del Comune di Ospedaletto di avviare un’azione preventiva nei confronti degli automobilisti con l’obiettivo di indurre i conducenti a rallentare. «Il nostro scopo non è quello di fare cassa – ha spiegato il sindaco Lucia Mizzi –, ma prevenire rischi collegati agli eccessi di velocità attraverso l’utilizzo di questi nuovi strumenti». L’amministrazione comunale ha ottenuto dalla Provincia di Lodi l’autorizzazione a implementare i nuovi dispositivi. «I tre box blindati sono previsti all’incrocio della via Lodigiana con via Pagani e con via Minoia, in centro abitato – ha spiegato l’assessore Pierangelo Grassi -: nonostante la presenza di due impianti semaforici, le auto tendono a sfrecciare anche nel tentativo di “sfruttare” proprio il segnale giallo del semaforo in un punto di attraversamento». Di pedoni e auto, dunque da salvaguardare. Un terzo dispositivo è previsto all’intersezione fra via Mantovana e via Lodigiana, nel tratto compreso fra l’ingresso dell’autostrada e l’incrocio semaforico di Ospedaletto sulla 234.

NOLEGGIO E COSTI

Il noleggio dei dispositivi utili è stato affidato alla ditta veronese IF Servizi, che affiancherà la polizia locale nei rilevamenti della velocità per un importo di 400 euro a servizio (3 ore a servizio). I dispositivi dopo 36 servizi, a partire dal primo marzo per dodici mesi, rimarranno di proprietà dell’amministrazione comunale. Il tutto per un totale di circa 17mila euro. I box arancio negli ultimi anni sono spuntati come funghi nella Bassa Lodigiana: prima a Fombio, poi a San Fiorano e quindi a Maleo. In tema di sicurezza, la giunta Mizzi ha partecipato per tempo al bando regionale per l’ampliamento del sistema di videosorveglianza con un progetto di circa 38mila euro, di cui l’80 per cento finanziabili da Regione Lombardia. L’esito del bando non è ancora noto.
Autore: SARA GAMBARINI Fonte: Il Cittadino, 13 Febbraio 2016
Privacy | Note Legali | Contattaci 2017 © Fombio.com